Come appendere il muro a secco

Appendere il muro a secco è un’abilità cruciale a cui continui a tornare più e più volte quando rimodella una casa. Con un piccolo investimento finanziario, puoi modificare sostanzialmente l’aspetto di uno spazio non finito, come un garage o una cantina, in poco tempo. Il successo dell’installazione del muro a secco dipende dal corretto ancoraggio dei pannelli del muro a secco agli elementi del telaio. Una volta padroneggiata la tecnica di appendere il muro a secco, puoi rifinire le stanze in modo economico.
Fatto in gran parte del gesso minerale, il muro a secco è un materiale da costruzione considerevolmente grande, pesante e ingombrante. Prendi in considerazione l’acquisto di un supporto per cartongesso di plastica economico che ti permetta di tenere il foglio di cartongesso al tuo fianco senza torcere il braccio. Sebbene tu possa installare il muro a secco da solo, il lavoro sarà molto più semplice se hai uno o due aiutanti, specialmente se stai coprendo il soffitto. Dopo aver appeso i pannelli, dovrai rifinire le giunture, che probabilmente includeranno la levigatura a umido come un modo per ridurre le abbondanti quantità di polvere che il muro a secco e il composto del muro a secco creano quando vengono levigati. Appendere il muro a secco è un progetto ad alta intensità di lavoro ed è solo una parte del lavoro.
Prima di iniziare ad appendere il muro a secco, controlla le borchie e i travetti per archi o colpi di scena. Le pareti finite avranno un aspetto migliore se le borchie sono il più piatte possibile.
Ispezionare visivamente i montanti oi travetti per vedere se sono allineati su un piano diritto. Per confermare l’allineamento, tieni una tavola lunga e dritta o livella attraverso l’inquadratura. Se alcuni elementi del telaio sporgono, tagliali con una sega o una fresa elettrica (specialmente per un’installazione di grandi dimensioni). Quindi, riempire i punti bassi con spessori fissati con chiodi o colla.
Fai scorrere la testa del martello su e giù per i perni (per le ristrutturazioni, non per l’installazione di cartongesso di nuova costruzione) per verificare la presenza di viti o chiodi vaganti che impediscano il muro a secco.
Il muro a secco è attaccato all’inquadratura con viti o chiodi per cartongesso. Le viti per cartongesso sono l’elemento di fissaggio preferito per la maggior parte delle installazioni per cartongesso. Le viti per cartongesso hanno una testa scanalata progettata per rientrare leggermente al di sotto della superficie della carta per cartongesso senza romperla e filettature grossolane per la migliore tenuta nel nucleo di gesso del cartongesso. Le viti possono essere guidate più velocemente dei chiodi, con meno possibilità di danneggiare la faccia del muro a secco; tengono anche il muro a secco all’inquadratura meglio dei chiodi.
Tuttavia, le unghie del muro a secco hanno il loro posto. Se è necessario installare rapidamente una grande quantità di cartongesso, i chiodi per cartongesso entrano notevolmente più velocemente delle viti per cartongesso. Entrambe le opzioni seguono nei passaggi successivi.
Utilizzare lo stesso processo per l’avvitamento dei pannelli di cartongesso sul soffitto e sulla parete.
Le viti devono essere guidate sotto la superficie del muro a secco in modo che possano essere ricoperte con un composto per giunti e carteggiate per creare una superficie liscia. Non spingerli così in profondità da strappare la superficie della carta e danneggiare il nucleo di gesso. Una volta che la carta viene strappata, gran parte della forza di tenuta del dispositivo di fissaggio viene persa. 
Un dispositivo di fissaggio correttamente guidato è leggermente svasato sotto la superficie. La profondità della vite può essere controllata su un trapano a batteria con frizione regolabile. Le viti dovrebbero penetrare nell’inquadratura di almeno 5/8 di pollice, il che significa che le viti da 1-1/4 di pollice facili da trovare saranno sufficienti sia per i pannelli di cartongesso da 1/2 pollice che da 5/8 di pollice.
Come con le viti, i chiodi devono essere piantati sotto la superficie del muro a secco in modo che possano essere ricoperti con composto per giunti e levigati per creare una superficie liscia.
Martellare i chiodi per cartongesso può effettivamente essere una tecnica più tollerante rispetto a guidare le viti per cartongesso. Le viti per cartongesso tendono a penetrare rapidamente nella carta per cartongesso e si strappano all’istante. Ma con il martellamento, la testa larga e liscia del martello consente diversi colpi irregolari prima che la carta si strappi. Utilizzare lo stesso processo sul soffitto e sui pannelli a parete.
Usa un martello con una faccia curva che lascerà solo una piccola fossetta intorno alla testa del chiodo. Usa solo chiodi per cartongesso con gambo ad anello, poiché hanno una testa larga che aiuta a mantenere il muro a secco in posizione. I chiodi dovrebbero penetrare nell’inquadratura di almeno 3/4 di pollice.
Se stai coprendo sia le pareti che il soffitto con cartongesso, inizia con il soffitto.
Quando si collega il muro a secco ai travetti del soffitto distanziati di 16 pollici al centro, gli elementi di fissaggio devono essere distanziati di 12 pollici l’uno dall’altro. Con i perni a muro, la distanza massima tra i dispositivi di fissaggio dovrebbe essere di 16 pollici. Inserire viti o chiodi in ciascun perno sotto il pannello. Attacca gli elementi di fissaggio ogni 8 pollici lungo i bordi non rastremati, ma tienili ad almeno 3/8 di pollice dal bordo per evitare di danneggiare il nucleo di gesso.
Se usi i chiodi, pianifica di piantare un secondo chiodo a 2 pollici dal primo in ogni posizione di fissaggio, lungo la faccia del muro a secco.
Dopo aver coperto il soffitto con cartongesso, attaccherai i fogli superiori di cartongesso al muro. Quando installi un muro a secco orientato orizzontalmente, inizia dalla parte superiore e procedi verso il basso. L’idea è di fare in modo che il lato tagliato sia rivolto verso il pavimento, dove verrà successivamente coperto con battiscopa.
Segna le posizioni dei montanti sui bordi del muro a secco del soffitto con una matita. Ciò renderà più facile trovare i centri dei montanti quando si avvitano le viti nei pannelli a parete.
Una volta contrassegnate le posizioni dei montanti, utilizzerai un sollevatore per cartongesso per posizionare i pannelli.
Quando si installano i pannelli superiori su una parete, appoggiare il pannello su viti fissate temporaneamente nei perni a circa 50 pollici sotto il soffitto. Utilizzare un sollevatore per cartongesso per posizionare il pannello in posizione sulle viti. Quindi afferra rapidamente il tuo avvitatore o trapano con una mano mentre fai scorrere il pannello verso l’alto con l’altra mano e la spalla. Avvitare una vite nella parte inferiore del pannello in un perno centrale, quindi uscire e risalire il pannello.
Continuare a sollevare ciascun pannello in posizione sulle viti. Continua ad afferrare il trapano con una mano mentre fai scorrere il pannello in posizione con l’altra mano e la spalla.
I pannelli inferiori dovrebbero adattarsi perfettamente ai pannelli superiori. Usa il tuo quadrato di cartongesso per tagliare i pezzi per adattarli.