Come collegare un contatore elettrico

È molto raro che un proprietario di casa lavori sul contatore elettrico che monitora l’utilizzo corrente in casa. Questo dispositivo, che fornisce il punto di connessione in cui l’energia elettrica entra in casa, è ufficialmente di proprietà della società elettrica, non del proprietario della casa. Pertanto, eventuali collegamenti elettrici devono essere gestiti da un elettricista professionista o da un tecnico della società elettrica. In effetti, ai proprietari di abitazione potrebbe essere vietato in qualsiasi modo lavorare al contatore elettrico. Ma può essere comunque utile capire il funzionamento del contatore elettrico ei particolari di come è cablato.
All’interno di una scatola standard del contatore elettrico domestico, c’è una sbarra collettrice neutra centrale con capicorda di connessione dei cavi a ciascuna e due sbarre collettrici calde, ciascuna con capicorda di connessione dei fili a ciascuna estremità. C’è anche un capocorda di collegamento per il cavo di messa a terra, che è legato alla sbarra collettrice neutra centrale. Nessuno di questi capicorda di collegamento del cavo è visibile a meno che il meccanismo del misuratore stesso non venga rimosso dalla scatola.
Il collegamento di un contatore elettrico, quindi, comporta l’esecuzione di un totale di sette semplici collegamenti dei cavi: tre collegamenti di linea, tre collegamenti di carico e un collegamento a terra.
Quando la società di servizi pubblici collega il contatore, il tecnico porterà i cavi di servizio da un palo sopraelevato o nella scatola del contatore attraverso un’alimentazione sotterranea. Con la scatola del contatore aperta e i cavi di servizio spenti, il tecnico spela i due cavi caldi (o attacca i collari che consentono di imbullonare i cavi) e poi li collega ai terminali designati sulle sbarre collettrici calde. Quindi stringeranno le viti e tireranno i fili per garantire che i collegamenti siano stretti.  
In alcuni sistemi, i fili di alimentazione a caldo sono due fili neri, mentre in altri sistemi ci sarà un filo nero e uno rosso.
Il lato carico del contatore elettrico, che porta l’alimentazione al quadro di servizio principale, può essere cablato direttamente al quadro o ad un sezionatore provvisorio. Per fare ciò, le estremità dei due fili di carico caldo vengono spellate e collegate ai due terminali di carico inferiori sulle sbarre collettrici calde del contatore. Ancora una volta, il tecnico stringerà le viti e tirerà i fili per assicurarsi che le connessioni siano sicure.
Per proteggere efficacemente questo filo di terra, il tecnico può far passare il filo di terra attraverso un condotto metallico cavo fino all’asta di messa a terra sepolta nella terra. Senza questa protezione, il filo di terra può essere danneggiato da un tosaerba o un tagliaerba. 
Il passaggio finale consiste nel collegare la linea neutra e i cavi di carico, che in genere sono contrassegnati con nastro bianco per identificarli come neutri. Il tecnico spella e collega questi fili neutri ai terminali superiore e inferiore sulla barra del bus del neutro al centro della scatola del contatore. Dopo aver stretto saldamente le viti con un cacciavite, il tecnico tira i fili per assicurarsi che siano sicuri. 
Il tecnico ora collega il meccanismo del contatore, chiude e blocca il contatore, quindi accende i cavi di servizio e controlla che il contatore funzioni correttamente. 
Il contatore elettrico esiste in modo che la società elettrica possa monitorare l’utilizzo corrente e fatturare di conseguenza. Il contatore elettrico è solitamente un dispositivo di misurazione trasparente, rivestito di vetro, che ricorda un barattolo di vetro di grandi dimensioni. La cupola di vetro ospita i dispositivi di misurazione che includono quadranti e ruote sui contatori del modello precedente. Il contatore non solo misura la potenza, ma fornisce anche un modo in cui la società di servizi pubblici può scollegare l’alimentazione dalla tua casa. 
Di solito, ci sono cinque quadranti che misurano i kilowatt e una grande ruota girevole che si trova sotto di loro. Questo tipo di contatore può essere letto dal proprietario dell’immobile che ne riporta i risultati. Oppure, la società di servizi pubblici lo leggerà per te, a volte a pagamento. I contatori elettrici più recenti sono digitali e vengono effettivamente letti dall’ufficio della società di servizi. Un segnale che identifica il tuo particolare contatore viene inviato lungo i cavi di servizio dal contatore elettrico alla società di servizi. 
I contatori elettrici leggono il consumo di energia in chilowattora. In parole povere, 1 kilowattora = 1,000 wattora. Il misuratore legge l’intero consumo energetico (in watt) di tutti gli elettrodomestici, le lampade e gli elettrodomestici plug-in all’interno della casa.
Se il tuo sistema di utilità lo richiede, una volta al mese “leggerai il contatore”. Il modo in cui lo fai dipenderà dal fatto che tu abbia un misuratore analogico più vecchio o un misuratore digitale più recente.
Su un contatore analogico, annoterai le letture su cinque quadranti, da sinistra a destra, e copierai queste letture sul rapporto alla compagnia elettrica. Generalmente, i puntatori sul quadrante saranno tra i numeri e riporterai il più basso dei due numeri. Se il puntatore di un quadrante è esattamente su un numero, controlla il quadrante immediatamente a destra. Se non ha ancora superato lo 0, leggerai usa un numero più basso per la lettura del quadrante precedente. (La tua società di servizi pubblici avrà istruzioni precise su come leggere il tuo contatore; in alcuni casi, potrebbe essere necessario copiare semplicemente l’aspetto visivo dei quadranti, come disegnare i quadranti dell’orologio.) 
Con un contatore digitale, per leggere il contatore è sufficiente scrivere il valore numerico mostrato sul visualizzatore digitale. 

Lascia un commento