Come coltivare e prendersi cura di un tetrastigma (vite di castagno) al chiuso

Il tetrastigma, o vite di castagno, è una pianta gravemente sottoutilizzata nelle collezioni nordamericane, molto probabilmente perché è abbastanza difficile da trovare. Originario del sud-est asiatico, tra cui Malesia, Laos, Indonesia e altre regioni tropicali, questo è un vitigno turbolento e vigoroso che si arrampica rapidamente su qualsiasi cosa disponibile. La pianta matura produce foglie enormi (a volte di XNUMX cm di diametro) profondamente composte. Nel loro ambiente nativo, o dove vengono coltivate all’aperto, vengono spesso utilizzate come tappezzanti, situazione per la quale si adattano perfettamente. All’interno, sono meglio usati come piante a cascata, dove le loro foglie possono essere mostrate a pieno effetto.
L’attrattiva della pianta è rafforzata da steli rossi e la nuova crescita è ricoperta di peli marroni. Le foglie sono anche note per produrre piccole gocce di umidità sul lato inferiore. In termini di cultura, come molti vitigni, questi sono molto più tolleranti e resistenti di quanto suggerirebbe il loro aspetto tropicale. Possono tollerare un’ampia gamma di condizioni interne e persino sopravvivere a temperature più fresche.
Queste piante hanno alcune delle stesse eccellenti qualità del sempre popolare vitigno pothos. Sono bellissimi rimorchi con foglie grandi e sorprendenti e tollerano condizioni di crescita ampiamente variabili. Forse sono stati trascurati semplicemente perché sono estranei alla maggior parte dei coltivatori, o perché nessun coltivatore serio si è trasferito nella loro coltivazione. Tuttavia, sono eccellenti piante rampicanti per un contenitore da sporgenza e prospereranno anche con una luce non perfetta. Se la tua pianta inizia a sviluppare i margini delle foglie marroni, prova ad aumentare l’umidità. Il tetrastigma è vulnerabile ai parassiti tra cui afidi, cocciniglie, squame e mosche bianche. Se possibile, identificare l’infestazione il prima possibile e trattare con l’opzione meno tossica.

Lascia un commento