Come coltivare e prendersi cura di una falsa pianta indaco (Baptisia australis)

Mentre False Indigo impiega solo circa un anno per raggiungere la sua piena altezza, le piante iniziate dal seme impiegano comunque dai tre ai quattro anni per fiorire. Dopo il gelo primaverile tardivo è il momento ottimale per trasferire le piantine all’esterno.
False Indigo ha una forma eretta e arbustiva con foglie trifogliate blu-verdi e fiori simili a piselli. Offre una lunga stagione di interesse, con spighe di fiori colorati, baccelli di semi insoliti e fogliame che non è quasi mai infastidito da parassiti o malattie.
Le piante di Baptisia sono molto adattabili e sono affidabili perenni nelle zone di rusticità USDA da 3 a 10. Puoi avviare le piante di Baptisia dal seme, ma sono lente da stabilire e probabilmente ci vorranno tre anni prima di vedere i fiori. Anche una giovane pianta di falso indaco impiegherà almeno due anni per stabilirsi prima di iniziare davvero a vederla fiorire. Tra i lati positivi, sono molto longevi. Se non uccidi i fiori, otterrai baccelli attraenti simili ai baccelli di pisello, che diventano scuri e tintinnano nella brezza. Baptisia cresce come un piccolo arbusto, raggiungendo da quattro a cinque piedi di altezza e da tre a quattro piedi di larghezza.
Puoi lasciare i fiori spesi e goderti le teste dei semi. I baccelli sono attraenti e tintinnano al vento. Tuttavia, possono rendere le piante pesanti e inclini a spaccarsi al centro, in particolare le piante coltivate in ombra parziale. Puoi evitarlo dando al tuo falso indaco una modesta tosatura dopo la fioritura.
False Indigo diventerà floscio senza almeno sei ore di piena luce solare. Il pieno sole previene anche le malattie fungine.
Il falso indaco preferisce terreni più asciutti e ben drenanti. Non è particolarmente esigente per il pH del terreno, ma funziona meglio in un terreno da neutro a leggermente acido.
Il falso indaco richiede pochissima manutenzione. Tienilo regolarmente annaffiato per il primo anno. Una volta stabilita, Baptisia è molto resistente alla siccità.
La tua pianta Baptisia fiorirà dalla tarda primavera all’inizio dell’estate. Sebbene nella maggior parte delle aree muoia di nuovo al suolo in inverno, le foglie di False Indaco diventano di un nero poco attraente con il primo gelo e le piante tendono a collassare a metà inverno, quindi di solito si consiglia di tagliarle in autunno. False Indigo è un membro della famiglia dei piselli e noterete la somiglianza nel fogliame e nei fiori, così come la sua predilezione per il clima più fresco e la sua tolleranza all’umidità.
False Indigo si sposa magnificamente con i fiori pastello di tarda primavera, come le peonie, così come con i colori scioccanti. Le piante appuntite, come l’iris, la salvia e gli allium alti, completano sia il colore che la consistenza di Baptisia. I fiori blu fanno davvero risaltare la certosa di Lady’s Mantle.
Poiché è una pianta grande e fiorisce solo una volta, assicurati di metterla da qualche parte nel tuo giardino dove il suo fogliame continuerà a offrire interesse. Stringerlo tra le altre piante eviterà che i rami si aprano sotto il peso dei fiori e dei baccelli.
I semi di falso indaco hanno un rivestimento esterno duro. Se decidi di provare a farli crescere da seme, qualche tipo di scarificazione migliorerà la germinazione. Immergerli in acqua calda per almeno otto ore prima di scarificarli sarebbe ancora meglio, anche se alcuni giardinieri hanno la fortuna di piantare i semi in autunno e lasciare che il clima invernale ammorbidisca il tegumento.
Poiché le piante di falso indaco hanno lunghe radici a fittone, sono difficili da dividere; tuttavia, crescono bene dalle talee.
Malattie fungine come macchie fogliari, oidio e ruggine possono verificarsi se coltivate in condizioni affollate e umide. Assicurati di fornire una buona circolazione dell’aria intorno alle tue piante di Baptisia.
È noto che i punteruoli mangiano e infestano i semi di Baptisia. Questo può essere un grosso problema se stai salvando i semi per piantare. Controlla sempre i tuoi semi prima di portarli in casa.

Lascia un commento