Come coltivare la begonia ad ala d’angelo al chiuso

Le begonie di tipo canna sono alcune delle begonie più performanti e più facili da coltivare. Sono secondi solo alle begonie di cera nella loro facilità di coltura, e secondi a nessuno nella loro bellezza. 
Il tipo più riconoscibile di begonie sono conosciute come begonie ad ala d’angelo. Originaria del Brasile, la pianta cresce su steli eretti con interessanti foglie punteggiate, colori unici e una magnifica esposizione di fiori. Le piante non sono particolarmente difficili da coltivare e possono essere piantate e coltivate tutto l’anno al chiuso, a patto di soddisfare alcuni requisiti di base. Cresceranno a un ritmo moderatamente veloce, con una crescita notevole visibile in sole sei settimane.
Mentre altre begonie potrebbero richiedere un tocco più attento, le begonie ad ala d’angelo sono perfettamente adatte per la cultura indoor, a condizione che tu possa dare loro il calore e l’umidità di cui hanno bisogno. In inverno, possono persino tollerare un po’ di luce solare diretta e stanno benissimo su un davanzale con una collezione di piante a fioritura invernale (inclusa la loro cugina stretta, la begonia rieger). Tieni le piante all’altezza degli occhi in modo da poter godere del loro aspetto unico quanto vuoi. Queste piante possono diventare grandi e possono sviluppare steli leggermente fragili lungo la strada. Raccogli piante più grandi per evitare danni alle loro canne poiché il fogliame è molto attraente.
Le piante di begonia ad ala d’angelo amano la luce brillante e indiretta tutto l’anno. Non sono sensibili alla luce diretta come le begonie rex, ma non possono sopportare la luce solare diretta di una begonia di cera. Se non vuoi che la tua pianta fiorisca, una posizione parzialmente ombreggiata le consentirà di crescere senza produrre fiori.
Pianta la tua begonia ad ala d’angelo in una miscela di terreno che sia umida (ma non inzuppata) e includa molta materia organica. Un terreno di natura leggermente “pesante” consentirà al vasto apparato radicale della pianta di stabilirsi bene e di sostenere adeguatamente i suoi steli alti. Per garantire che il terreno della tua pianta non diventi fradicio, puoi ospitare la tua begonia ad ala d’angelo in un vaso di terracotta o argilla per aiutare a eliminare l’umidità in eccesso.
Le begonie delle ali d’angelo amano essere mantenute costantemente umide e puoi capire quando mancano d’acqua se il bordo delle loro foglie inizia a scurirsi. Una volta che il terreno si è asciugato a circa un pollice dalla superficie, saturare completamente la pianta e lasciarla drenare.
Se hai intenzione di tenere una begonia ad ala d’angelo in casa, ti consigliamo di mantenere alte le temperature. La pianta prospera meglio in un ambiente che varia da 65 gradi Fahrenheit a 75 gradi Fahrenheit, anche se inferiore a 50 gradi e si rischia che la pianta muoia tutta insieme (almeno, le foglie si danneggeranno). È anche una buona idea tenere la tua pianta lontana da correnti d’aria o brezze, come quelle provenienti da una finestra aperta in inverno o da un condizionatore d’aria durante l’estate.
Oltre alle temperature accoglienti, le piante di begonia ad ala d’angelo amano l’umidità. Nebulizza regolarmente la tua pianta per mantenere i suoi livelli di umidità e considera di tenerla in una stanza tipicamente umida della tua casa, come la cucina o il bagno. Se la tua casa è particolarmente secca, puoi investire in un piccolo umidificatore per ambienti da posizionare vicino alla tua pianta.
Nutri la tua pianta con un fertilizzante liquido settimanale (a un quarto di forza) o bisettimanale (a metà della forza) per la migliore crescita e colore. Durante la stagione della fioritura (in inverno o in primavera inoltrata) puoi passare a fertilizzanti ad alto contenuto di fosforo per aumentare le possibilità di fioritura.
Mentre le piante di begonia ad ala d’angelo sono belle, è necessario prestare attenzione quando si decide dove posizionare la pianta intorno alla casa. Tutte le parti della pianta sono considerate moderatamente tossiche (soprattutto le radici), quindi scegli un posto per la tua begonia dove gli animali domestici curiosi non possono raggiungerla. Se noti che il tuo gatto o cane ha sgranocchiato la pianta o se mostra uno dei sintomi seguenti, contatta immediatamente il veterinario.
La begonia ad ala d’angelo è servita come base per un vasto programma di ibridazione a lungo termine. Di conseguenza, ci sono dozzine di ibridi nominati, oltre a varie specie che rientrano vagamente nella categoria del tipo di canna. Cerca gli ibridi, compresi i preferiti come “Lucerna” e “Carriere” con foglie attraenti e molte fioriture non aperte. Tutte le begonie ad ala d’angelo hanno requisiti di crescita simili, quindi è sicuro trattarle tutte allo stesso modo.
Le begonie ad ali d’angelo (e altre begonie a canna) sono molto facili da propagare da talee. Quando inizia a emergere una nuova crescita in primavera, rimuovi con cura una talea da 2 a 3 pollici di punta delle foglie che non ha fioriture su di essa e inseriscila con il lato di taglio rivolto verso il basso nel terriccio. Mantieni il taglio umido e caldo fino a quando non inizia una nuova crescita.
Un ormone radicante aumenterà le possibilità di successo, ma non è strettamente necessario, poiché le begonie si radicano facilmente dalle talee nelle giuste circostanze. Simile ad altri ibridi, le begonie ad ala d’angelo non si riproducono accuratamente dal seme (il che significa che non otterrai una replica esatta della pianta madre), quindi coltiva la begonia dal seme solo se sei sicuro della fonte del seme (un’azienda di semi, per esempio). Per mantenere fresca la tua collezione, prendi le talee ogni primavera e scarta le piante adulte tutt’altro che ideali: tendono a diventare leggere se le condizioni non sono ottimali, specialmente se sono fredde e piene di spifferi.
Le begonie ad ala d’angelo sembrano davvero prosperare quando sono leggermente legate al vaso, quindi rinvasale solo quando è assolutamente necessario (come quando la pianta ha esaurito il suo substrato o il vaso si sta ribaltando). Se stai rinvasando la tua begonia, fallo all’inizio della primavera, proprio quando appare la prima vampata di nuova crescita. Tuttavia, non tentare di rinvasare una pianta in fiore, poiché lo shock interromperà la fioritura.
Come molte piante d’appartamento, la begonia ad ala d’angelo può soffrire di alcune afflizioni comuni che diventano rapidamente una seccatura. Uno dei problemi più comuni è l’oidio, anche se possono combattere anche con marciume, cocciniglie e mosche bianche.
Se noti segni di parassiti sulla tua pianta, posizionala in un luogo isolato (in modo da non infettare le altre tue piante d’appartamento), quindi trattala con un insetticida delicato o un olio per l’orticoltura (come l’olio di neem) fino a quando tutti i segni di infestazione non sono scomparsi.

Lascia un commento