Come coltivare l’aloe vera?

L’aloe vera è comunemente coltivata come pianta d’appartamento e ha guadagnato il favore perché il gel delle sue foglie fa un unguento lenitivo per la pelle (anche se alcune persone sono effettivamente irritate dal gel).
I fiori appuntiti appaiono su steli alti, nei toni del giallo, rosso o arancione. Le piante giovani generalmente non fioriscono e l’aloe coltivata come pianta d’appartamento può impiegare anni per produrre un gambo di fiore.
Poiché l’aloe vera ha bisogno di un terreno sabbioso o ghiaioso, se coltivata all’aperto è meglio utilizzarla con altre piante grasse con esigenze simili. Per fondere l’aloe in una piantagione di confine, piantala separatamente e usala come punto focale. Alzare il vaso all’altezza degli occhi lo renderà più prominente. L’aloe in vaso cresce bene su ponti e patii dove è utile per ustioni e morsi di emergenza.
La fioritura avviene in tarda primavera/inizio estate. Le piante devono essere abbastanza mature per iniziare a fiorire e potrebbero non fiorire ogni anno se le foglie vengono raccolte.
L’Aloe Vera deve essere in un luogo luminoso con luce solare indiretta: il sole diretto può bruciare la sua pelle tenera.
Il terreno deve essere ben drenante. Nel suo habitat naturale, l’Aloe cresce generalmente sui pendii in modo da garantire un buon drenaggio. Per garantire il drenaggio in una pentola, puoi usare uno speciale terriccio per cactus o mescolare un po’ di perlite o sabbia grossa e creare il tuo mix.
L’aloe sopporta bene la siccità, ma preferisce essere annaffiata regolarmente, permettendo al terreno di asciugarsi completamente tra un’annaffiatura e l’altra. Se la pianta viene lasciata secca troppo a lungo, le foglie si accartocciano e si raggrinziscono leggermente. Si riprenderanno una volta annaffiati, ma uno stress prolungato, o troppa siccità o troppa acqua, farà ingiallire e morire le foglie.
Non dare alle piante acqua supplementare durante la stagione delle piogge. La maggior parte delle aloe va in letargo in inverno e non richiede alcuna acqua, a condizione che abbia ricevuto acqua sufficiente durante la stagione di crescita. Se il tuo clima è piovoso durante l’inverno, considera di piantare la tua aloe in ghiaia o pietre. Faranno defluire l’acqua.
L’Aloe Vera fa meglio tra 55 e 85 gradi Fahrenheit, ma tollererà 40 gradi Fahrenheit. Non sopporta il gelo.
L’aloe vera non richiede un’elevata fertilità del suolo. L’alimentazione una volta all’anno, in primavera, con un fertilizzante per piante d’appartamento dovrebbe essere sufficiente.
L’aloe vera è sicuro da usare localmente sulla pelle umana, anche se alcune persone ne sono irritate. Le sue foglie non devono essere ingerite da persone, animali domestici o bestiame.
Secondo la Mayo Clinic , gli esseri umani possono sperimentare disturbi di stomaco o, peggio ancora, insufficienza renale quando ingeriscono l’aloe vera. Negli animali domestici o nel bestiame possono verificarsi disturbi allo stomaco, letargia e diarrea. Chiama immediatamente il medico o il veterinario per decidere quale linea di condotta intraprendere.
Se le foglie esterne della tua pianta di aloe vera hanno punte marroni, è tempo di potare. Usando cesoie da giardino pulite, puoi decidere di tagliare semplicemente l’area interessata della foglia, o potare l’intera foglia, vicino alla base della pianta. Ciò incoraggerà una nuova crescita. Non potare mai le foglie al centro.
L’aloe vera può essere propagata per seme ma è più facile rimuovere e invasare gli offset che si sviluppano alla base della pianta. Rompi ogni germoglio, assicurandoti che ci siano delle radici attaccate a ciascun pezzo e ripianta i germogli separatamente.
L’Aloe Vera ha un apparato radicale piuttosto superficiale che ama diffondersi vicino alla superficie. Man mano che la pianta cresce e ha bisogno di essere rinvasata, spostati in un vaso più largo, piuttosto che in uno più profondo.
L’aloe vera non tollera il gelo e se vivi in ​​un clima più freddo, dovrebbe essere conservata in contenitori e portata all’interno per l’inverno. Se stai vivendo un gelo inaspettato, copri le piante di aloe con lenzuola o coperte per tenerle calde.
L’aloe vera attira cocciniglie, squame e acari. Pulisci le cocciniglie con un panno morbido, dopo aver spruzzato l’acqua sulla pianta. Per le squame, monta una miscela di 1 cucchiaio di sapone insetticida e 1 tazza di alcol isopropilico mescolato con 1 tazza di acqua; spruzzare le squame con questa soluzione ogni tre giorni per 14 giorni. Per gli acari, elimina i tessuti infetti per mantenere questa pianta e gli altri aloe al sicuro.

Lascia un commento