Come coltivare l’eucalipto

L’eucalipto ha una fragranza distinta, simile al mentolo ed è un’erba popolare per i rimedi casalinghi. Originaria dell’Australia, è comunemente coltivata come ornamentale in giardino, sebbene possa anche diventare una splendida pianta da interno. Inoltre, molti artigiani amano incorporare le foglie essiccate dell’eucalipto nelle loro creazioni. Anche gli oli essenziali di eucalipto sono molto comuni e possono essere utilizzati in tutta la casa per tutto, dai rimedi per il raffreddore all’aromaterapia.
Potresti avere più familiarità con l’eucalipto come il cibo preferito del koala australiano. Mentre l’Australia è il luogo in cui l’albero è più abbondante, prospererà abbastanza facilmente all’aperto nelle zone di resistenza USDA da 8 a 10. È meglio piantato a metà primavera o nel tardo autunno e crescerà rapidamente, spesso fino a 2 piedi di altezza ogni anno.
Nelle zone di rusticità dell’USDA da 8 a 10, l’eucalipto può crescere in alberi di altezze vertiginose. Per il giardiniere domestico, tuttavia, l’eucalipto è più spesso coltivato come arbusto o pianta in vaso. Sebbene la pianta sia altamente adattabile alla maggior parte dei terreni, la preoccupazione principale è prestare molta attenzione alle esigenze di alimentazione, luce solare e irrigazione di base.
L’eucalipto è abbastanza esente da gravi problemi di parassiti o malattie, anche se occasionalmente potresti individuare problemi come i tarli dell’eucalipto, che possono essere trattati rimuovendo immediatamente l’area infestata della pianta (gli insetticidi non sono efficaci contro i tarli).
L’eucalipto ama molta luce, quindi sistema la tua pianta da qualche parte nel tuo paesaggio che riceve almeno 8-10 ore di luce solare intensa ogni giorno. Allo stesso modo, le piante di eucalipto coltivate in casa dovrebbero essere tenute vicino a una finestra che riceve molta luce solare.
Pianta il tuo eucalipto in una miscela di terreno umida ma ben drenante. Quando metti in vaso il tuo eucalipto in contenitori all’aperto (o al chiuso se è per questo), è importante scegliere vasi che abbiano ampi fori di drenaggio alla base. Se stai piantando l’eucalipto direttamente nel tuo giardino e non hai intenzione di contenerlo, assicurati che l’area possa adattarsi alle sue eventuali dimensioni.
Innaffia la tua pianta di eucalipto con una certa regolarità. Sebbene possa essere considerato parzialmente tollerante alla siccità una volta stabilito, in realtà non ama essere lasciato asciutto per lunghi periodi e può anche iniziare a far cadere foglie o rami. Una buona regola empirica è quella di testare l’aridità del terreno a una profondità di circa 4 pollici; se risulta secco al tatto, è ora di annaffiare.
L’eucalipto preferisce temperature calde e livelli di umidità che imitano il suo ambiente naturale australiano. Se stai piantando il tuo eucalipto in un contenitore, assicurati di portare la pianta in casa se prevedi temperature prolungate inferiori a 50 gradi Fahrenheit.
Quando si tratta di umidità, ciò che è nell’ambiente naturale dovrebbe essere sufficiente per l’eucalipto se viene coltivato nelle zone di resistenza appropriate. Al chiuso, puoi pianificare di vaporizzare la pianta di tanto in tanto per mantenere condizioni umide o mirare a coltivarla in una stanza tipicamente calda della casa, come la cucina o il bagno.
Se stai coltivando la tua pianta all’aperto nel tuo paesaggio, è probabile che non necessiti di ulteriori applicazioni di fertilizzante. Detto questo, l’eucalipto che viene coltivato in contenitori (al chiuso o all’aperto) può beneficiare dell’applicazione di un fertilizzante liquido bilanciato ogni primavera.
L’eucalipto è una delle piante più tossiche per i piccoli animali domestici, in particolare i cani. Il problema deriva dagli oli della pianta, noti anche come eucaliptolo, che possono irritare il sistema gastrointestinale e causare molti problemi al tuo animale domestico. Se noti che il tuo animale mostra uno dei seguenti sintomi, contatta immediatamente il veterinario o i servizi di emergenza.
Oltre alla sua ovvia bellezza, l’eucalipto vanta anche usi commestibili e medicinali. L’olio di eucalipto viene raccolto dalle foglie, dalle radici e dalla corteccia della pianta e viene utilizzato per il suo effetto antisettico e astringente. L’olio di eucalipto è spesso usato per i disturbi respiratori come aromatizzante nelle gocce per la tosse e negli sfregamenti di tipo decongestionante. Oltre a ciò, può essere usato per aromatizzare un cocktail o addolcire una tazza di tè serale: è persino noto per scoraggiare gli insetti pungenti se usato come olio essenziale.
Le foglie di eucalipto possono essere essiccate sullo stelo appendendo i rami capovolti in un mazzetto. Puoi anche rimuovere le foglie e metterle su un tovagliolo di carta o su uno schermo per asciugare. Con entrambi i metodi, lascia che l’eucalipto si asciughi all’aria finché le foglie non diventano leggermente coriacee o croccanti, a seconda delle dimensioni. Una volta asciutte, conserva le foglie di eucalipto in barattoli di vetro con un coperchio ben chiuso.
Se desideri utilizzare i rami per l’artigianato, uno dei modi migliori per conservarli è con la glicerina. Scegli un contenitore abbastanza grande da contenere l’intero ramo di eucalipto. In un contenitore separato, mescolare una parte di glicerina con due parti di acqua bollente e lasciarla raffreddare. Versare parte del liquido raffreddato nel contenitore più grande, quindi inserire i rami di eucalipto finché non si trovano in circa 3 pollici di liquido.
Conserva il vaso in un luogo fresco e buio e ispeziona le piante settimanalmente. Aggiungere più liquido se necessario per mantenerlo al livello ottimale. Potrebbero essere necessarie da una a otto settimane prima che tutte le foglie cambino colore. Quando hanno, il processo è completo. Rimuovere i rami di eucalipto, asciugarli tamponandoli con un tovagliolo di carta e appenderli a testa in giù per due o tre giorni prima di utilizzarli.

Lascia un commento