Come coltivare piante di ricino

Alcune piante, sebbene abbiano ruoli da svolgere nel tuo paesaggio, difficilmente sono pezzi di conversazione. Ad esempio, la menta gatta può essere un’eccellente copertura del terreno, ma raramente un visitatore cammina sul paesaggio di qualcuno e osserva: “Wow, guarda che menta gatta!” Non è progettato per evocare una tale risposta, invece, il suo scopo è svolgere un ruolo di supporto. Le piante di semi di ricino, d’altra parte, hanno il potere delle stelle.
Cosa dà alle piante di ricino il loro potere da star? Consideriamo le tre T: alto, tossico e tropicale. È perché i semi di ricino possiedono queste tre qualità (e più) che sono piante così interessanti. Originaria dell’Africa e del Medio Oriente, le piante di semi di ricino crescono rapidamente, aggiungendo tra i 6 ei 10 piedi per stagione di crescita e con foglie a forma di stella con semi rossi vibranti. Può essere piantato direttamente in giardino in tarda primavera o avviato da seme in casa circa sei-otto settimane prima dell’ultimo gelo della stagione.
Le piante di semi di ricino vengono generalmente coltivate durante l’estate nella maggior parte degli ambienti e raggiungeranno rapidamente altezze tentacolari, rendendole un’attrazione nel tuo paesaggio o un’ottima opzione per una recinzione per la privacy vivente se coltivate insieme. Tuttavia, l’altezza è solo un attributo che fa risaltare le piante di semi di ricino nel tuo paesaggio. Le loro foglie ruvide creano contrasti materici drammatici quando vengono poste accanto a piante con foglie più piccole.
Le piante di semi di ricino amano la piena luce e dovrebbero essere piantate da qualche parte nel tuo paesaggio dove ricevono almeno otto ore di luce solare al giorno. Evita di mettere la pianta sotto alberi svettanti, che possono influire sulla quantità di luce che può ottenere. Inoltre, tieni presente che più luce solare riceve la tua pianta, più piena e produttiva sarà.
Un terreno ricco e umido produrrà i migliori risultati per la tua pianta di ricino. La miscela dovrebbe essere densa di sostanze nutritive e trattenere bene l’umidità, ma non dovrebbe essere paludosa o facilmente impregnata d’acqua. Se la tua zona di impianto prevista non è nota per il suo terreno, puoi modificare la miscela con della materia organica per aumentare la densità dei nutrienti.
Le piante di semi di ricino amano il terreno costantemente umido, ma dovresti fare attenzione a non bagnarle eccessivamente. Generalmente, alla pianta piace circa 1 pollice di acqua a settimana, sia dalla pioggia che dall’irrigazione manuale. Tieni presente che potrebbe essere necessario aumentare tale quantità se si verificano condizioni simili alla siccità o se si sta vivendo un’estate particolarmente calda.
Fedeli alla loro natura tropicale, le piante di ricino amano temperature calde e livelli di umidità superiori alla media. Se piantato nelle giuste zone di resistenza USDA, la tua pianta dovrebbe essere più che felice. Come regola generale, le piante di semi di ricino necessitano di temperature del suolo comprese tra 50 gradi Fahrenheit e 64 gradi Fahrenheit per essere piantate all’esterno e cresceranno e prospereranno al meglio in un ambiente che varia costantemente da 68 gradi a 80 gradi Fahrenheit.
Per il miglior successo, nutri la tua pianta di ricino una volta al mese con un fertilizzante generale per tutti gli usi.
Una pianta velenosa in tutte le sue parti, i “fagioli” omonimi dei semi di ricino (cioè i semi) sono particolarmente tossici. In effetti, sono la fonte del famigerato veleno, la ricina. La loro tossicità può essere problematica per i bambini piccoli e gli animali domestici curiosi, quindi tienilo a mente quando consideri dove (se se) piantare questo esemplare accattivante. Se vuoi ancora coltivare piante di semi di ricino, puoi ridurre il loro pericolo tagliando i fiori e gettandoli, prevenendo così la formazione di semi.
La morte per avvelenamento da ricina può verificarsi tra le 36 e le 72 ore di esposizione, quindi il tempo è essenziale. Se noti uno dei seguenti sintomi di avvelenamento, contatta immediatamente i servizi di emergenza appropriati.