Profilo della pianta dell’erba di San Giovanni

L’erba di San Giovanni comune era così apprezzata per le sue qualità medicinali nella nativa Europa che i coloni la portarono con sé nel Nuovo Mondo. Ma se non sei interessato all’erboristeria, probabilmente troverai un valore maggiore nei parenti dello stesso genere. Questi tipi di erba di San Giovanni sono noti per caratteristiche come bacche vistose e fogliame bicolore.
Il nome comune principale (ortografia alternativa, “St. Johnswort” e “St. John’s-wort”) si riferisce al fatto che i fiori venivano tradizionalmente raccolti nel giorno del santo cattolico in onore della natività di San Giovanni Battista, il 24 giugno. Dopo aver raccolto i fiori, il credente li appendeva su un dipinto o una statua di San Giovanni in casa. Si pensava che questa pratica proteggesse il credente dagli spiriti maligni. La parola “wort” (il più delle volte si trova come suffisso) è semplicemente inglese antico per “pianta” e si trova spesso nei nomi di piante comuni, altri esempi sono:
L’erba di San Giovanni è una pianta facile da coltivare, tollerando una serie di condizioni difficili. Quindi il suo status di erbaccia secondo l’opinione di molti giardinieri. Se ha un tallone d’Achille, è un terreno eccessivamente umido. Potrebbe essere necessario allevare giovani piante per un po’, ma, una volta stabilita, l’erba di San Giovanni sopravviverà da sola. In effetti, il tuo compito principale di manutenzione con le piante stabilite sarà tenerle sotto controllo.
Coltiva l’erba di San Giovanni in pieno sole al nord per la migliore produzione di fiori. Al sud, invece, la pianta trae vantaggio dall’avere un po’ di ombra.
Sebbene la pianta preferisca un terreno ben drenato, tollererà il terreno compatto.
Mantieni questa perenne ben irrigata quando stai cercando di stabilirla per la prima volta. Una volta maturo, è ragionevolmente tollerante alla siccità.
L’erba di San Giovanni si comporta meglio in terreni fertili, anche se tollera terreni poveri. Modifica il suo terreno con il compost ogni anno per ottenere i migliori risultati.
L’erba di San Giovanni è stata usata in medicina in molti modi nel corso dei secoli, tra cui:
Ma la pianta ha i suoi svantaggi. Se assunto come medicinale, ha effetti collaterali, come mal di testa, vertigini e nausea. Se consumato in quantità sufficiente, è velenoso per il bestiame. È difficile contenere questa perenne, poiché si diffonde in due modi:
Questo aiuta a spiegare perché è considerata una pianta invasiva in alcune regioni. Deadheading impedirà alla pianta di andare a seme, mentre la diffusione degli stoloni può essere fermata installando barriere, come faresti per il controllo del bambù.