Profilo della pianta di rosmarino

Non hai bisogno di un orto per coltivare il rosmarino. Una singola pianta in un vaso ti fornirà abbastanza rosmarino per insaporire la tua cucina e profumare la cucina. Tuttavia, se vivi in ​​una zona dove prospera il rosmarino, potresti avere intere siepi della pianta.
Nei climi caldi, il rosmarino può essere piantato in qualsiasi momento. Nei climi con inverni freddi, piantarla in primavera dopo che il terreno si è riscaldato, almeno una settimana dopo l’ultima data di gelata. Se coltivate come piante perenni in climi caldi, le piantine appena piantate raggiungeranno le dimensioni mature e inizieranno a fiorire nella loro seconda stagione.
I tre elementi fondamentali per coltivare con successo il rosmarino sono il sole, un buon drenaggio e una buona circolazione dell’aria. Se vivi in ​​una zona al riparo dal gelo, puoi coltivare il rosmarino nel terreno tutto l’anno, dove diventerà un arbusto rigoglioso e cespuglioso. Nei climi freddi-invernali, puoi coltivare il rosmarino nel terreno come annuale, o tenerlo in un contenitore che porti in casa ben prima del primo gelo.
Per mantenere felice il rosmarino, dagli dalle sei alle otto ore di piena luce solare ogni giorno. Quando lo coltivi in ​​casa, posizionalo in una finestra esposta a sud per una luce intensa, ma non lasciare che diventi troppo caldo.
Coltiva il rosmarino in un terreno sabbioso e ben drenante. Questa pianta è originaria delle colline rocciose del Mediterraneo e non fa bene se le sue radici rimangono bagnate.
Innaffia le piante di rosmarino quando il terreno è completamente asciutto. Fai attenzione a non innaffiare eccessivamente ed evita di rendere il terreno inzuppato (specialmente quando si coltiva in contenitori), poiché ciò porta alla putrefazione delle radici.
All’aperto, il rosmarino può tollerare alte temperature e un’ampia gamma di umidità. La maggior parte delle varietà è resistente solo fino a 30 gradi Fahrenheit. Dove le temperature scendono sotto i 30 gradi, le piante di rosmarino dovranno passare l’inverno al chiuso. In questo caso, è più facile coltivare il rosmarino in un contenitore tutto l’anno. Dal momento che al rosmarino piace secco, i vasi di terracotta sono una scelta particolarmente buona. Assicurati solo che le piante non cuociano e si asciughino completamente all’aperto durante l’estate.
Il rosmarino non è un alimentatore pesante, ma concimare in primavera con un’emulsione di pesce/alga lo farà iniziare bene la stagione. Spruzzi fogliari periodici con l’emulsione lo manterranno alla grande.
Renderai le cose molto più facili con te stesso se inizi con una pianta coltivata in vivaio. Il rosmarino può impiegare anni per essere riempito, quindi aspettati di pagare di più per una pianta matura che per un piccolo inizio di rosmarino.
Se desideri iniziare la tua pianta di rosmarino, l’opzione migliore è iniziare con una talea. I semi di rosmarino possono essere difficili da germinare e spesso non crescono fedeli al loro genitore. È molto più veloce iniziare con una talea e sarai sicuro del tipo di pianta che otterrai.
Se stai coltivando il rosmarino in contenitori, sposta i tuoi vasi all’aperto una volta passato tutto il pericolo di gelo. Come con la maggior parte delle piante in vaso, il terreno nel tuo vaso di rosmarino degenererà attraverso l’irrigazione e la crescita delle radici. Rinvasare almeno una volta all’anno. La primavera è il momento migliore per rinvasare il rosmarino, ma dovrebbe andare bene indipendentemente dal periodo dell’anno in cui si arriva.
Quando la pianta di rosmarino sviluppa una crescita considerevole o sembra che non riesca ad avere abbastanza acqua, è diventata troppo grande per il vaso e deve essere trapiantata in uno più grande. Se vuoi mantenere le dimensioni della tua pianta di rosmarino, potala alla radice tagliando un paio di centimetri di radici dal fondo e dai lati della zolla e ripiantandola nello stesso vaso. Assicurati di tagliare una parte della parte superiore allo stesso tempo per ridurre il carico di lavoro delle radici e lo stress posto sulla pianta tagliata.
Se coltivi il rosmarino per cucinare, prendi in considerazione “Miss Jessup”, “Tuscan Blue” o “Spice Island”, tutte scelte eccellenti per i cuochi. Queste sono grandi piante che crescono fino a 4-6 piedi di altezza se coltivate nel terreno. Hanno foglie grandi che sono molto profumate e mantengono il loro sapore quando sono cotte o essiccate.
Se stai coltivando il rosmarino in vaso, “Blue Boy” è un piccolo rosmarino a cespuglio con foglie proporzionalmente piccole che crescono in grappoli. ‘Golden Rain’ è un’altra varietà che rimane compatta e piccola. Il suo nuovo fogliame ha un’abitudine piangente e segni giallo chiaro che diventano verdi.
Il rosmarino può essere raccolto quasi in qualsiasi momento, anche se la primavera e l’estate sono i periodi in cui cresce più attivamente. Le foglie sono più saporite e aromatiche appena prima che la pianta fiorisca. Usa un potatore da giardino per tagliare le punte dei rami da 4 a 6 pollici, quindi strappa le foglie dagli steli. La potatura dura stresserà la pianta, quindi limita la potatura a più di un terzo della lunghezza totale dei rami.
Also, be on the lookout for aphids and spider mites. Questi parassiti sembrano vivere sulle piante d’appartamento per l’inverno. Catturarli prima di un’infestazione totale li renderà più facili da controllare. Spruzzi ripetuti con sapone insetticida, secondo le indicazioni sulla confezione, dovrebbero risolvere il problema.